Parlamento Europeo vs SWIFT 1-0

Un momento della votazione sull'accordo USA-UE

Non solo il Barroso II. La sessione plenaria del Parlamento Europeo conclusasi la scorsa settimana è stata fondamentale perlomeno per una decina di aspetti (che cercheremo di analizzare nei prossimi giorni!). Uno di questi è stata la bocciatura da parte del Parlamento dell’accordo “ad interim” USA-UE per il trasferimento dei dati bancari, detto anche accordo SWIFT.

Di cosa si tratta?

SWIFT è un operatore privato che gestisce trasferimenti bancari a livello internazionale. Nel 2006 si scopre che la società trasferisce dati di cittadini europei alle autorità statunitensi, senza alcun consenso da parte delle istituzioni comunitarie. Scoppia subito un caso internazionale, solo parzialmente risolto dalla costruzione di un nuovo centro in Svizzera, sempre da parte della SWIFT, dove “immagazzinare” i dati riguardanti il vecchio continente, invece di trasferirli direttamente negli USA. La necessità di un consenso da parte delle istituzioni comunitarie ha spinto la Commissione a presentare al Consiglio una bozza d’accordo UE-USA che è stata approvata “in fretta e furia” il 30 novembre scorso.

Perché la bocciatura è così importante?

Il giorno successivo all’approvazione dell’accordo da parte del Consiglio europeo entra in vigore il Trattato di Lisbona, il quale prevede che ogni accordo stipulato a livello europeo debba passare attraverso il voto del Parlamento europeo. Anche per questo motivo il Consiglio aveva stabilito che l’accordo SWIFT avesse dovuto rappresentare una “disciplina provvisoria” in attesa di un pronunciamento da parte del PE. Ciononostante, con l’entrata in vigore del Trattato di Lisbona, anche tale accordo “ad interim” aveva bisogno di un voto parlamentare. La bocciatura dell’accordo in questione – la risoluzione che lo respinge è stata approvata con 378 voti favorevoli, 196 contrari e 31 astensioni – è dunque un’assoluta novità, dovuta principalmente al nuovo Trattato di Lisbona.

Perché l’accordo SWIFT è stato bocciato?

I numerosi interventi durante il dibattito parlamentare ci aiutano a comprendere i motivi della bocciatura. L’UE ha un «buon partenariato con gli Stati Uniti», ha sentenziato il popolare Ernst Strasser, ma «il modo in cui è nato questo testo non è stato ragionevole», polemizzando non solo sul voto “a porte chiuse” del Consiglio europeo il giorno prima dell’entrata in vigore del Trattato di Lisbona, ma anche sul fatto che le traduzioni dell’accordo siano giunte ai parlamentari soltanto il 25 gennaio! La relatrice, Jeanine Hennis-Plasschaert, liberale olandese, ha messo in luce anche un altro elemento di dissenso, deplorando che l’UE «continui a esternalizzare i suoi servizi di sicurezza agli Stati Uniti senza reciprocità».

Ed ora?

Ora la parola torna alla Commissione europea, che ha annunciato ieri che, «nelle prossime settimane» adotterà delle proposte per un accordo a lungo termine. Le linee guida negoziali «risponderanno alle preoccupazioni del Parlamento europeo e del Consiglio» e garantiranno «il massimo rispetto della privacy e protezione dei dati».

Pubblicato il 18 febbraio 2010, in Politica & Istituzioni con tag , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 1 Commento.

  1. Alessandro The Magician

    “Scoppia subito un caso internazionale”… non ho letto nulla in merito a dire il vero.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: