Archivi Blog

Austerity: una lezione da imparare.

La crisi c’è, ormai è un dato di fatto anche per noi italiani, che fino a ieri siamo stati, probabilmente in buona fede, rassicurati sulla virtuosa resistenza all’instabilità del nostro sistema economico.

Dallo scoppio della crisi greca,  in Italia come nel resto d’Europa, l’attenzione è puntata sulle manovre economiche in cantiere, ma soprattutto sull’entità del sacrificio con il quale si dovrà in un modo o nell’altro fare i conti.

La Spagna provvederà a tagliare del 5% gli stipendi pubblici nel corso del 2010, Dublino ha già provveduto a farlo per i prossimi due anni,  e la Grecia, punta di diamante della crisi, secondo il  piano dal nome crudo ma evocativo lacrime e sangue, provvederà a ridurli del 16%.

Italia e Portogallo hanno invece optato per un congelamento dei salari dei dipendenti pubblici nei prossimi anni.

Misure impopolari sembrano essere però  il cruccio un po di tutto il ceto politico Europeo;  la Merkel ha dovuto rimandare al 2012 i tagli alle tasse promessi in campagna elettorale,  Sarkozy prova a tenere sotto controllo una spesa pubblica stressata da uno stato sociale tradizionalmente espansivo, il neo-eletto premier britannico David Cameron annuncia di bloccare le assunzioni nel pubblico impiego e promette una forte sforbiciata ai costi della politica a cominciare da quelli governativi, sopprimendo le auto blu per i membri dell’esecutivo.

L’impopolarità di queste decisioni è confermata anche dai sondaggi che vedono le opposizioni guadagnare punti nei confronti delle forze politiche alla guida dei vari paesi membri; ma anche se l’umore degli europei sembra essere ai minimi storici, l’indice di fiducia dei consumatori ha infatti registrato questo mese il secondo peggior valore negli ultimi 20 anni, i cittadini sono  consapevoli delle difficoltà che li attendono.

Mentre si discute su dove e come tagliare, la parola d’ordine che riecheggia sembra essere equità; perchè se i cittadini sono ormai consapevoli dell’austerità che si prospetta, certo non fatta di stenti ma sicuramente foriera di una solida raddrizzata, in particolar modo sotto la voce consumi,  l’obiettivo  dei governi europei deve essere quello di distribuire il peso dello sforzo in modo equilibrato tra le parti sociali.

Le pensioni sono un’altro tasto dolente dei bilanci di mezza Europa, tra aumenti dell’età pensionabile, vedi Grecia e Francia, tagli netti e congelamenti, sembra che gli ultra sessantenni del vecchio continente dovranno abituarsi ad uno stile di vita  ben più morigerato.

Mentre si parla di nuove regole per gestire future crisi e nuove norme di controllo del mercato finanziario e dei suoi attori, i ministri dell’Ecofin si trovano a dover fare i conti con la riduzione del deficit della zona euro che nel 2009 è schizzato al 6,3% del PIL, contro il 2% stimato nel 2008.(dati eurostat)

L’eurozona sembra quindi aver imboccato la strada dell’austerità come rimedio al contagio della crisi greca ad altri paesi membri, in primis quelli economicamente instabili come la penisola ellenica.

Il prestito ottenuto dalla Grecia ha imposto al governo ellenico misure d’austerity che hanno portato il paese ad un passo dal collasso sociale, misure che porteranno ad un calo dell’occupazione ma soprattutto dei redditi e quindi dei consumi, riportando con i piedi per terra uno stato che, dal momento della sua entrata nella zona euro, ha vissuto comunque al di sopra delle sue capacità.

Una situazione che ben conoscono invece i cosiddetti Heavily Indebt Poor Countries (HIPC) africani, i quali ben sanno che  misure d’austerità rischiano di condurre ad una stagnazione del sistema economico attraverso il progressivo deperimento delle attività ancora sane; minando così le prospettive di crescita futura.

Questi paesi “potrebbero spiegare…” alla Grecia e all’Europa “..che non c’è alternativa se non la ristrutturazione del debito”,  naturalmente è inevitabile che questa scelta “comporti perdite anche per gli investitori internazionali, colpevoli di non aver preso le precauzioni necessarie quando hanno concesso i prestiti”. Cit. Jayati Gosh, The Economist.


Crescere in Europa: lavoro, tirocinio, stage (part 10)

Cerchi disperatamente opportunità di formazione ma non riesci a districarti nella giungla cibernetica? Ogni settimana sul nostro blog troverai una selezione di bandi pubblicati da aziende ed istituzioni ed afferenti ai più disparati campi. Buona Fortuna!

STAGE – AUTORITA’ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO- SCADENZA 17/05/2010

L’Agcm cerca 30 tirocinanti per un periodo di 12 mesi. La selezione è rivolta a laureati di triennale, specialistica e vecchio ordinamento, con formazione giuridica o statistico-economica.

La votazione minima richiesta è 110/110 e  i candidati non devono aver superato i 28 anni alla pubblicazione del bando, devono avere esperienze pregresse di studio o professionali inerenti e non devono aver usufruito di praticantati presso l’Autorità in seguito al bando del febbraio 2009. La retribuzione prevista è di 300 euro al mese.

Per presentare domanda occorre inviare una mail all’indirizzo stage2010@agcm.it dove si specifica l’area di interesse(economica o giuridica) allegando il modulo di domanda compilato, scaricabile dal sito dell’Autorità. Gli esiti della selezione con le relative graduatorie saranno pubblicate sul sito.

Per tutte le informazioni, per consultare il bando e per scaricare il modulo di domanda  consultare il sito dell’Autorità www.agcm.it e seguire il percorso Lavora in Autorità-Praticantato.

STAGE – MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE- SCADENZA 17/05/2010

Il Ministero dell’economia e delle finanze cerca 138 tirocinanti da impiegare presso il Dipartimento dell’Amministrazione Generale e del Personale, il Dipartimento del Tesoro e il Dipartimento delle Finanze. La selezione è volta ai laureati di primo livello e ai laurandi e laureati di secondo livello in ambito Economico, Giuridico, Politico-sociale , Umanistico.

Le sedi del tirocinio sono in tutta Italia e i posti così distribuiti: 93 al centro, 35 al sud, 10 al nord. E’ prevista una retribuzione adeguata ai giorni di presenza.

Per tutte le informazioni relative al bando cliccare http://tirocini.theprimate.it

LAVORO – EUROPEAN INSTITUTE FOR SECURITY STUDIES – SCADENZA 31/05/2010

L’EUISS è alla ricerca di 2 ricercatori, un esperto in questioni transatlantiche, l’altro in questioni asiatiche da impiegare a partire dal 1 settembre 2010.

I candidati selezionati parteciperanno ai progetti di studio e di ricerca dell’istituto. In particolare i candidati sono chiamati a:

  • elaborare analisi politiche per il Consiglio dell’Unione europea e l’Alto Rappresentante per gli Affari Esteri e le politiche di sicurezza
  • contribuire alla pianificazione e all’edizione delle pubblicazioni dell’Istituto
  • collaborare all’organizzazione di meeting, conferenze, task forces

Questi i requisiti:

Master o dottorato in scienze politiche, economia, scienze sociali o studi regionali, precedenti esperienze di ricerca in ambiti simili a quelli dell’EUISS, perfetta conoscenza di inglese e francese, ottima conoscenza delle politiche e delle istituzioni europee.

Per maggiori informazioni  http://www.iss.europa.eu/opportunities/

FORMAZIONE- FORMA MENTIS ROMA

Segnaliamo i workshop di orientamento organizzati dalla società Forma mentis. L’iniziativa è dedicata ai neolaureati e neolaureandi che abbiano bisogno di valido aiuto nell’orientamento formativo e lavorativo post-laurea.

I workshop si svolgeranno in due giornate per  12 ore complessive e saranno orientati a:

1) realizzare un piano di sviluppo personale

2)elaborare un valido il curriculum vitae

3)sviluppare le capacità per sostenere un colloquio efficace e vincente

4) fornire la bussola dei canali lavorativi e formativi per il tuo percorso professionale

Per informazioni contattare:

Forma Mentis Innovazione e Sviluppo Srl

Via E.Q. Visconti 61 (zona Piazza Cavour) tel. 06 32541565

www.gruppoformamentis.it

info@gruppoformamentis.it

Crescere in Europa:stage,studio,lavoro…(part 8)

Cerchi disperatamente opportunità di formazione ma non riesci a districarti nella giungla cibernetica? Ogni settimana sul nostro blog troverai una selezione di bandi pubblicati da aziende ed istituzioni ed afferenti ai più disparati campi. Buona Fortuna!

LAVORARE IN EUROPA…PER L’EUROPA!!!

Se il tuo sogno è occuparti d’Europa abbiamo il sito giusto per te. Eurobrussels.com raccoglie offerte di lavoro e stage da istituzioni, organizzazioni internazionali, think thank, associazioni di categoria ed altri soggetti che si occupano di affari europei. Il sito, di facile consultazione, è ricco di consigli e guide per gli utenti.

Buona navigazione!

BORSE DI STUDIO- MASTER ENI CORPORATE UNIVERSITY– SCADENZA30/04/2010

Eni Corporate University bandisce, per l’anno accademico 2010 – 2011, un concorso per n. 50 posti di studio per la frequenza del Master in Management ed Economia dell’Energia e dell’Ambiente (MEDEA), organizzato e gestito dalla Scuola Enrico Mattei.
Il programma formativo si articola su tre indirizzi di studio:
Energy Industry Economics
Business Administration in Energy Industry
Managing Technical Assets in Energy Industry
I corsi a tempo pieno, tenuti in italiano e in inglese, avranno inizio il 1° settembre 2010 e termineranno il 30 giugno 2011
Requisiti di base per l’ammissione al corso sono:

  • il possesso di diploma di laurea in Italia (Specialistica 2° livello o equivalente del vecchio ordinamento) con votazione finale non inferiore a 105/110 (o 95/100) conseguito nelle seguenti facoltà: Economia, Fisica, Ingegneria, Scienze geologiche, Scienze Statistiche ed Economiche o una equivalente qualificazione accademica all’estero;
  • un’età inferiore ai 27 anni per i candidati italiani e 32 anni per quelli non italiani al 31/12/2010.
  • la conoscenza della lingua inglese
  • possesso della laurea alla data di presentazione della domanda

La domanda deve essere compilata on-line a questo indirizzo:
http://www.eni.com/it_IT/lavora-con-noi/scuola-mattei-master-medea/invia-candidatura-master/invia-candidatura-master.shtml
Per informazioni su programmi e selezione, rivolgersi a:
Scuola Enrico Mattei, Eni Corporate University, Via S. Salvo, 1
20097 – San Donato Milanese (MI) .
telefono (0039) 02.520.57922 o (0039) 02.520.57907; fax (0039) 02.520.37067

http://www.eni.com
e-mail:
info.scuolamattei@eni.com

STAGE-CONSIGLIO DEI PAESI DEL MAR BALTICO-SCADENZA 30/04/2010

Il Consiglio dei Paesi del Mar Baltico cerca stagisti da impiegare per 4 mesi presso la sua sede di Stoccolma, a partire dal primo settembre 2010.

Il tirocinio è dedicato ai neolaureati con competenze scienze politiche o sociali, economia o diritto internazionale, antropologia, studi di genere, sviluppo sostenibile, salute pubblica e politiche sociali, geografia. E’ richiesto uno specifico interesse per la politica e la cooperazione nella regione del Mar Baltico.

Il tirocinio non è collegato a possibilità di lavoro. Non è previsto alcun rimborso per le spese di viaggio e di sistemazione.

Questi i requisiti richiesti:

  • ottima conoscenza dell’inglese scritto e orale
  • ottime abilità informatiche
  • senso di responsabilità e iniziativa

La domanda di candidatura in lingua inglese va inviata assieme al curriculum ed una lettera motivazionale all’indirizzo internship@cbss.org

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: